POMPEI: Antonio Varone nuovo presidente dell’Associazione Amici di Pompei

Il Consiglio direttivo dell’Associazione Internazionale Amici di Pompei, fondata nel 1955, ha eletto Antonio Varone come nuovo presidente. Varone,nato ad Angri nel 1952, ha un ricco curriculum di pubblicazioni scientifiche; ha ricoperto varie cariche tra cui quella di Direttore dell’Ufficio Scavi di Pompei. Dal 1979 al 1984 ha lavorato presso la Soprintendenza Archeologica di Salerno-Avellino e Benevento, mentre dal novembre 1984 è passato nell’organico dell’allora Soprintendenza Archeologica di Pompei, dove è stato dal 1986 al 1991 Direttore dell’Ufficio Scavi di POMPEI. Dal 1991 al 1995 ha ricoperto le funzioni di Vice-Soprintendente e diretto in seguito il Servizio Scientifico-Culturale dello stesso Istituto cui afferiva l’attività archeologica dei vari uffici scavi, i restauri, la didattica, le mostre, il catalogo e la documentazione, la biblioteca, gli archivi storici e scientifici, i rapporti con gli studiosi. Dal gennaio 2010 ha ricoperto nuovamente l’incarico di Direttore dell’Ufficio Scavi di Pompei e di sostituto del Soprintendente per l’area vesuviana, fungendo da funzionario ministeriale delegato in attesa della nomina del soprintendente. Ha promosso importanti rinvenimenti archeologici; ha diretto il restauro di numerose case ed edifici pompeiani, nonché di affreschi, mosaici ed oggetti mobili e ha organizzato numerose mostre. Attualmente è in pensione e vive a Vietri sul Mare. Nella sua attività archeologica spicca la direzione dello scavo del complesso dell’Insula dei Casti Amanti nel 1987, mentre la sua attività di studio si è concentrata soprattutto sulla schedatura dell’intero patrimonio epigrafico vesuviano, di cui è stato pubblicato il lavoro sulle iscrizioni parietali di Stabiae.
Ad Antonio Varone che succede al presidente uscente, Stefano de Caro, sono indirizzati gli auguri di tutti i soci per il prestigioso incarico.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.