SAN GIUSEPPE VESUVIANO: sciolto il Consiglio Comunale e… tutti a casa!

Il CDM, su proposta del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, ha deciso di scogliere il Consiglio Comunale di San Giuseppe Vesuviano ed ha nominato i tre funzionari per la gestione dell’Ente che sono: i Viceprefetti ALDO ALDI, AGNESE SCALA e il dirigente a riposo ANTONIO SCOZZESE. Lo scioglimento nasce da accertamenti della Commissione di Accesso insediatasi per 6 mesi al Comune, seguiti da una relazione del Prefetto di Napoli CLAUDIO PALOMBA, su accertati condizionamenti a norma dell’Articolo 143 del Testo Unico delle Leggi sugli Ordinamenti degli Enti Locali. Il Sindaco VINCENZO CATAPANO, a seguito della succitata decisione, ha evidenziato quanto segue:

“Il Consiglio dei Ministri ha sciolto il consiglio comunale di San Giuseppe Vesuviano per infiltrazioni camorristiche e viene affermato che l’azione dell’amministrazione da me guidata sarebbe stata permeabile alla criminalità organizzata. Riteniamo che ciò non risponda al vero e che rappresenti una insopportabile ingiustizia. Per noi parlano anni di lotta chiara ed aperta alla criminalità organizzata, per noi parlano i comizi in cui personalmente affermai che non avremmo mai chiesto e mai voluto i voti della camorra, per noi parlano chiaro le denunce fatte all’Autorità Giudiziarie ed alla D.D.A. competente nei confronti di diversi elementi collegati ed appartenenti alla criminalità organizzata locale ; per me parla chiaro l’essere stato testimone della Pubblica Accusa in un processo di criminalità organizzata; per noi parla chiara l’azione di tutti questi anni in cui abbiamo promosso decine di iniziative contro la camorra, ospitando anche il Procuratore Nazionale Antimafia e diversi Magistrati ed in cui ci siamo sempre costituiti parte civile in tutti i processi per associazione a delinquere, per noi parla chiaro l’aver profuso ogni sforzo per restituire alla città un bene confiscato alla criminalità organizzata ed aver dedicato una piazza a Falcone e Borsellino vittime della mafia, per sensibilizzare i nostri figli alla legalità, ma soprattutto e più di tutto per noi parla la nostra azione amministrativa, che rivendichiamo pulita, trasparente, onesta ed in contrasto alla criminalità organizzata. Faremo valere questa e tante altre fondate ragioni dinanzi al T.A.R. dove cercheremo di ripristinare la Verità. Non è solo un dovere che avvertiamo nei confronti di un’intera comunità, che viene mortificata da un provvedimento ingiusto e non aderente alla realtà, ma è un ricorso che facciamo alla GIUSTIZIA per ottenere un provvedimento che ripristini la verità e dimostri la correttezza della nostra amministrazione, che dobbiamo a noi, all’onore della nostra città ed all’onore dei nostri figli.”

A parte ogni tipo di considerazione, il provvedimento adottato dal Consiglio dei Ministri, peserà fortemente sull’immagine della città e sulle sue attività. Speriamo che in seguito a nuovi accertamenti, già anticipati dal Sindaco attraverso il ricorso al T.A.R., possano ulteriormente chiarire le motivazioni che hanno determinato la decisione dello scioglimento.

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.