Scatta da oggi il Lockdown di Natale. Fino al 27 Dicembre Zona Rossa

Oggi è scattato il lockdown di Natale, tutta Italia in Zona Rossa fino al 27 Dicembre. Ieri è partita una vera e propria corsaallo shopping last minute nei negozi al dettaglio, da oggi chiusi per decreto creando non pochi assembramenti. Ecco le regole:

SPOSTAMENTI E AUTODICHIARAZIONE– “In relazione agli spostamenti” che possono avvenire fuori dal proprio comune nei giorni arancioni e nei giorni rossi “verso una sola abitazione nella stessa regione tra le 5 e le 22 nei limiti di due persone” nell’arco temporale tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, la relativa “ragione giustificativa potrà essere addotta tramite il ricorso alla consueta modulistica di autodichiarazione, nella parte in cui si fa riferimento a ‘motivi ammessi dalle vigenti normative'” precisa il Viminale nella circolare. ”Sono consentiti, senza limiti di orario, gli spostamenti che si riconnettono ad attività assistenziali svolte, nell’ambito di un’associazione di volontariato, anche in convenzione con enti locali, a favore di persone in condizione di bisogno o svantaggio. Conseguentemente, per lo spostamento legato a tali attività – si spiega – potrà addursi a motivo giustificativo l’espletamento del servizio di volontariato sociale”.

LUOGHI DI CULTO – ”L’accesso ai luoghi di culto e la partecipazione alle funzioni religiose restano comunque consentite”, si legge nella circolare, e ”anche in questi casi troveranno applicazione i limiti orari imposti dal cosiddetto coprifuoco”.

GIORNI ‘ARANCIONI’ – “Rispetto al divieto di mobilità intercomunale che vige nella cosiddetta area arancione, la disposizione consente in via derogatoria”, è scritto nella circolare, nei giorni 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 km dai relativi confini. “Si osserva – precisa nella circolare il Viminale – che la dimensione demografica è riferita al solo comune a quo, e non anche a quello ad quem, per il quale non ha dunque rilievo il dato demografico.

CONTROLLI – ”Si raccomanda la consueta puntuale attenzione nell’assicurare la predisposizione di efficaci servizi volti a garantire la corretta osservanza delle misure”, è scritto nella circolare inviata ai prefetti, in particolare ”per ciò che riguarda i controlli lungo le arterie di traffico e in ambito cittadino, al fine di prevenire possibili violazioni alle restrizioni alla mobilità ovvero situazioni di assembramento di mancato rispetto del distanziamento interpersonale”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.